Basket: Nba, Orlando licenzia coach Clifford

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Orlando, 6 giu. – (Adnkronos) – Dopo tre stagioni finisce l'avventura di Steve Clifford sulla panchina degli Orlando Magic, una franchigia che già alla trade deadline di inizio marzo aveva dato segni di voler ricostruire completamente da zero un nuovo ciclo. Ceduti Aaron Gordon (a Denver), Evan Fournier (a Boston) e Nikola Vucevic (a Chicago), ora a lasciare la Florida è anche l'allenatore che nell'ultimo triennio aveva guidato la squadra a un titolo della Southeast Division (nel 2018-19) e a due apparizioni ai playoff (con altrettante eliminazioni al primo turno per 4-1), obiettivo invece mancato quest'anno.

Il record stagionale dei Magic – 21 vittorie soltanto, a fronte di 51 sconfitte – ha convinto franchigia e allenatore che un cambio di direzione fosse necessario, con le due parti concordi nell'interrompere il rapporto di collaborazione. Nel triennio a Orlando, pur con due partecipazioni ai playoff, il record di Clifford rimane ampiamento negativo (96-131, il 42.3% di percentuale di vittorie), così come negativa a livelli di risultati era stato il precedente quinquennio trascorso sulla panchina degli Charlotte Hornets (196 vittorie, 214 sconfitte, con due approdi playoff).

Ora in Florida si guarda al futuro, e un primo nome – di strettissima attualità – è già emerso nella rosa dei candidati a succedere a Clifford sulla panchina dei Magic: è quello di Terry Stotts, appena sollevato dal suo incarico a Portland, allenatore che ha dimostrato proprio ai Blazers di sapere costruire un progetto vincente.