Basket: Nba, Philadelphia vince a Brooklyn trascinata da Embiid e Maxey

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

New York, 31 dic. – (Adnkronos) – In un match che è un vero e proprio antipasto di una potenziale super sfida playoff, Philadelphia (19-16) senza Doc Rivers in panchina batte 110-102 Brooklyn (23-10) a domicilio, in un match terminato con il faccia a faccia tra le due stelle delle rispettive squadra Joel Embiid e Kevin Durant – con il centro camerunense che ha invitato Kd a lasciare il parquet data la sconfitta in arrivo. “Se conoscete il carattere di entrambi e avete visto cosa è accaduto in passato, non vi meraviglia una scena del genere”, spiegano entrambi, provando a sdrammatizzare un momento di forte tensione.

Alla sirena finale sono 34 punti per Joel Embiid con 3/5 dall’arco, 7 rimbalzi, 3 recuperi e un grande impatto su entrambi i lati del campo, proprio come Tyrese Maxey che ne aggiunge 25 con 5/8 dall’arco e 4 assist. A completare l’opera poi ci pensano i 17 punti messi a referto da Seth Curry (con 6 assist), mentre dalla panchina arriva la doppia doppia da 10+10 di Andre Drummond. Per Philadelphia è il quarto successo nelle ultime cinque gare.

Non basta dunque a Brooklyn il solito super Kevin Durant, autore di 33 punti con 13/24 al tiro, 3/8 dall’arco, 6 rimbalzi e 4 assist – nonostante il plus/minus con lui sul parquet dica -9, a differenza di quanto accaduto nei 27 minuti con LaMarcus Aldridge in campo (+12) che chiude con 12 punti e 8 rimbalzi. In attesa del ritorno di Kyrie Irving, i Nets restano al primo posto a Est ma con sola mezza partita di vantaggio sui Chicago Bulls. Discorso a parte infine va fatto per James Harden che sta acquistando sempre più una condizione fisica migliore e che si regala, nonostante il ko, la sesta tripla doppia stagionale: 33 punti, 14 rimbalzi e 10 assist.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli