Basket: Nba, Simmons rompe con i Sixers, vuole la cessione e non andrà al training camp

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

New York, 1 set. – (Adnkronos) – Ben Simmons ha espresso chiaramente la volontà di non giocare più per i Philadelphia 76ers. Secondo quanto riporta il Philadelphia Inquirer lo ha fatto in un incontro della scorsa settimana tenuto a Los Angeles con tutti i piani alti della franchigia, dal co-proprietario Josh Harris all’allenatore Doc Rivers passando ovviamente per i due principali membri della dirigenza, il presidente delle operazioni cestistiche Daryl Morey e il general manager Elton Brand. La decisione è presa, tanto che secondo quanto trapelato il giocatore non intende nemmeno presentarsi per il training camp previsto per fine mese, cercando di forzare la mano a una situazione che ha raggiunto una fase di stallo.

A frenare ogni tentativo di scambio fino a questo momento è stato il basso valore di mercato dell’australiano in questo particolare momento, dato il brutto finale della serie di playoff contro gli Atlanta Hawks e in particolare quella “non schiacciata” di gara-7. Nonostante quelle prestazioni sottotono, Daryl Morey ha sempre mantenuto un prezzo molto alto per la propria stella, senza trovare nessuna squadra in grado di accontentare le sue richieste, aspettando anche che Damian Lillard risolvesse la sua situazione a Portland, cosa che non è successa nemmeno al suo ritorno dalle Olimpiadi di Tokyo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli