Basket: Nba, Wiggins si vaccina, potrà giocare partite in casa con Golden State

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

San Francisco, 4 ott. -(Adnkronos) – È stato uno dei giocatori che hanno fatto più discutere nelle ultime settimane per la sua posizione riguardo la vaccinazione contro il Covid-19: Andrew Wiggins aveva spiegato le sue ragioni, deciso inizialmente di non accettare la somministrazione e aperto un dibattito che la Nba avrebbe preferito non affrontare. Nei giorni scorsi infatti la lega ha sottolineato come nel caso dei giocatori di Warriors, Knicks e Nets – sottoposti a norme più stringenti per l’accesso all’arena previste dalle autorità sanitarie di San Francisco e New York – la loro assenza sul parquet sarebbe stata sanzionata con il mancato pagamento dello stipendio in quelle determinate partite.

Nel caso specifico a Wiggins sarebbe stato decurtato il 50% del suo salario: uno scenario che, unito ai tanti consulti medici forniti da Golden State al giocatore, lo hanno portato a cambiare idea. A confermarlo è stato Steve Kerr in conferenza stampa: “Andrew ha fatto il vaccino: lo ha comunicato oggi e siamo felici che questa decisione porrà fine a ogni discussione. Non risponderò a nessuna domanda riguardo la questione”. Caso chiuso, dopo che a Wiggins era stata negata da parte della Nba l’esenzione per motivi religiosi: l’ex Timberwolves sarà dunque a disposizione degli Warriors sin dalla prima gara, dopo essersi probabilmente sottoposto alla somministrazione del vaccino Johnson&Johnson – che, a differenza di altri, prevede una sola inoculazione e che permette così di abbreviare i tempi di immunizzazione.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli