Basket: O'Neal, 'se Irving non si vaccina i Nets dovrebbero cacciarlo'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

New York, 1 ott. – (Adnkronos) – "Fossi suo compagno andrei ai piani alti della franchigia e chiederei di cacciarlo. Possono vincere con due stelle di prima grandezza come Durant e Harden, un grande tiratore, Harris e i rimbalzisti che ci sono in squadra. Perché altrimenti ogni giorno dovrebbero rispondere sulle domande su di lui e cosa sta facendo. Che lo cacciassero. Chiunque gestisca i Brooklyn Nets: cacciatelo fuori dalla porta". Il 4 volte campione Nba Shaquille O'Neal attacca il playmaker dei Brooklyn Nets Kyrie Irving che, se non si dovesse vaccinare, rischia di non poter giocare le partite casalinghe per le leggi anti-Covid di New York.

"Non è mia intenzione deridere le opinioni di un’altra persona, ma nel nostro gioco a volte bisogna pensare agli altri prima che a se stessi -aggiunge l'ex centro di Laker e Heat nel suo podcast-. Ora, Kyrie ha le sue opinioni che non voglio discutere. Ma ha anche un obbligo verso chi gli paga 200 milioni di contratto. La cosa che non mi piace è che lui richieda di rispettare la sua privacy. Una volta che accetti di fare questa vita, non c’è privacy. Bisogna accettarlo".

"Se sei nella mia squadra e non puoi giocare in casa, allora non ti voglio vedere. Se abbiamo una possibilità di vincere e tu non sei a bordo, vai da un’altra parte, punto e basta. Qualsiasi siano le sue ragioni a me stanno bene, ma non accetterei di dover rispondere alle domande se giocherà o no per 41 partite l’anno", conclude O'Neal.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli