Bassetti minacciato dai no-vax: il virologo finisce sotto "scorta"

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
Matteo Bassetti (Foto profilo Facebook)
Matteo Bassetti (Foto profilo Facebook)

Le minacce dei no-vax a Matteo Bassetti, direttore di Malattie Infettive dell'ospedale San Martino di Genova, che lui stesso ha denunciato in un post su Facebook, sono al vaglio della Digos.

A un mese di distanza dalla denuncia per diffamazione e minacce aggravate che il virologo si è trovato costretto a fare dopo aver ricevuto messaggi minatori, altre intimidazioni lo hanno colpito dopo il suo ultimo intervento televisivo a “Non è l'Arena”, in cui sottolineava l’importanza dei vaccini.

GUARDA ANCHE: Bassetti-Crisanti, scintille in tv

“Nelle ultime 48 ore ho ricevuto insulti di ogni tipo, minacce alla mia persona e persino minacce di morte”, ha scritto Bassetti in un post su Facebook, “Ogni singolo messaggio è stato inviato alla Polizia Postale e alla Digos per le indagini del caso. I responsabili saranno perseguiti a norma di legge”.

È per questo che la Prefettura ha disposto a tutela del virologo una “vigilanza dinamica”. Una sorta di scorta meno invasiva, che monitora i suoi spostamenti in luoghi maggiormente frequentati: polizia e carabinieri sorveglieranno con frequenti passaggi sia la sua abitazione, sia il luogo di lavoro, il reparto di Malattie infettive dell’ospedale San Martino.

GUARDA ANCHE: Covid, Bassetti: vedremo luce in estate, aprire a vaccino russo