Bassetti: "Nessun rapporto con aziende vaccino covid"

·1 minuto per la lettura

"Non ho nessuna vergogna a dire che ho rapporti con aziende farmaceutiche anche se non ho mai avuto alcun tipo di rapporto con aziende che producono vaccini e in particolare vaccini contro il covid". Il professor Matteo Bassetti, primario di malattie infettive del policlinico San Martino di Genova, a Zona Bianca risponde così alle domande sulle accuse che i no vax muovono a virologi e infettivologi, ritenuti 'complici' di Big Pharma.

"Buona parte di chi fa ricerca la fa in collaborazione con le aziende farmaceutiche che producono antibiotici, antitumorali, antipertensivi con cui oggi siamo arrivati a vivere fino a 85 anni. Le aziende farmaceutiche vengono viste come il diavolo e non ci sto. Non ho nessuna vergogna a dire che ho rapporti con aziende farmaceutiche anche se non ho mai avuto alcun tipo di rapporto con aziende che producono vaccini e in particolare vaccini contro il covid", dice. "Noi medici che facciamo ricerca, andiamo ai congressi e pubblichiamo articoli, scriviamo tutto quello che abbiamo ricevuto dalle aziende farmaceutiche: è tutto lecito, è tutto alla luce del sole, autorizzato e paghiamo le tasse. E’ un rapporto che si ha con chi fa ricerca scientifica e medica", aggiunge.

Bassetti da tempo subisce minacce. Negli ultimi giorni, è stato vittima di un'aggressione verbale sotto casa. "Si deve andare avanti, lo devo ai pazienti. E' il mio lavoro e continuerò a farlo con lo spirito con cui l’ho fatto fino ad oggi. Le persone che minacce andrebbero perseguite penalmente. Un paese che impiega 7 mesi per accorgersi di queste cose è un paese che dorme troppo. Io ho fatto la prima denuncia a dicembre 2020, queste cose succedono da 8 mesi. Mi auguro che queste persone vengano perseguite per reati terroristici, di associazione a delinquere, di stalking", afferma.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli