"Basta quote rosa, una minorazione per donne", dice Eva Cantarella

·1 minuto per la lettura

AGI - Basta quote rosa perché sono diventate "una minorazione delle capacità femminili": ad affermarlo è la professoressa Eva Cantarella, ordinaria di Diritto romano e greco e scrittrice, in un'intervista a Il Fatto Quotidiano.

“Siamo nella condizione di dire basta alle quote rosa, a questa formula che invece di liberare le donne statuisce, oltre ogni intenzione, una condizione di statica indispensabilità” ed “essere indispensabili per forza di legge è la negazione della forza e del potere della condizione femminile oggi in Italia”.   

Le quote rosa, ha osservato, “sono divenute, per paradosso, una minorazione delle capacità femminili” mentre “siamo così forti che non abbiamo bisogno di tutor e magari pure maschi”.

Così, secondo la professoressa Cantarella l'esatta parità aritmetica tra l'uomo e la donna non è altro che “un fenomeno soprattutto mediatico, con fiumi d'inchiostro a commentare ogni temuta discriminazione” mentre “la forza dell'identità femminile è tale che all'uomo non resta, per affermare il proprio potere, che ricorrere a quella biologica. Con la sua forza fisica intende regolare i conti”, ha concluso. 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli