Bataclan, un attentatore in fuga fu intervistato senza essere riconosciuto

·3 minuto per la lettura
FILE - This undated file photo released Friday, Nov. 13, 2015, by French Police shows 26-year old Salah Abdeslam, who is wanted by police in connection with recent terror attacks in Paris, as police investigations continue. On Nov. 13, 2015, a cell of nine Islamic State militants armed with automatic rifles and explosive vests left a trail of dead and injured at the national stadium, Paris bars and restaurants and the Bataclan concert hall. Nearly all the attackers were from France or Belgium, as were the cell's 10th member — Salah Abdeslam, the only one still alive. He is the chief defendant among 20 people charged in a trial that is expected to last nine months. (Police Nationale via AP, File) (Photo: via Associated Press)
FILE - This undated file photo released Friday, Nov. 13, 2015, by French Police shows 26-year old Salah Abdeslam, who is wanted by police in connection with recent terror attacks in Paris, as police investigations continue. On Nov. 13, 2015, a cell of nine Islamic State militants armed with automatic rifles and explosive vests left a trail of dead and injured at the national stadium, Paris bars and restaurants and the Bataclan concert hall. Nearly all the attackers were from France or Belgium, as were the cell's 10th member — Salah Abdeslam, the only one still alive. He is the chief defendant among 20 people charged in a trial that is expected to last nine months. (Police Nationale via AP, File) (Photo: via Associated Press)

Il 14 novembre 2015, la mattina dopo gli attentati terroristici di Parigi, in cui trovarono la morte 130 persone, la maggior parte nel teatro del Bataclan, Salah Abdeslam, oggi l’unico attentatore sopravvissuto del commando di affiliati all’Isis che agirono quella notte, fu intervistato.

Quella mattina infatti lungo il confine tra il Belgio e la Francia furono istituiti molti posti di blocco, con l’obiettivo di intercettare i terroristi che volevano fuggire dal paese. Insieme alla polizia, anche molti giornalisti si trovarono alla frontiera, per chiedere agli automobilisti che cosa pensassero dei controlli e quale fosse il loro umore dopo la notte appena trascorsa.

In una delle auto fermate c’era proprio Salah Abdeslam, che solo poche ore prima aveva partecipato all’attentato, insieme a Mohamed Amri e Hamza Attou, i due che, secondo le successive ricostruzioni della polizia, erano andati a prenderlo.

Né polizia né giornalisti possedevano allora informazioni utili per arrestarlo al posto di blocco. E infatti Abdeslam fu arrestato solo il 18 marzo 2016 in Rue des Quatre-Vents a Molenbeek-Saint-Jean, a Bruxelles.

Che il terrorista fosse stato intervistato alla frontiera era già stato reso pubblico l’anno scorso, dopo che in una conversazione intercettata tra lui e alcuni suoi compagni di cella, diceva di essere stato fermato da un giornalista dell’emittente belga RTL-TVI proprio la mattina dopo gli attentati.

L’intervista come la descrive Abdeslam sembra non esistere, si è scoperto invece che è stata Charlotte Legrand, giornalista radiofonica di un’altra emittente, la RTBF, a fare le domande ai tre.

“Non ricordo la marca dell’auto né il colore”, racconta Legrand. “Dentro c’erano tre giovani, apparivano molto stanchi, i loro volti sembravano consumati. Quello dietro era avvolto in una specie di giacca spessa o di piumino. Non erano particolarmente amichevoli, ma hanno risposto alle mie domande mentre le loro carte d’identità venivano controllate”, ha detto. “Quando hanno riavuto i loro documenti, hanno alzato il finestrino e se ne sono andati”.

L’intervista completa non è stata conservata dall’emittente, ma la piccola parte trasmessa alla radio RTBF il 14 novembre 2015 è stata ripubblicata sul sito, a poche ore dall’inizio del maxi-processo per gli attentati, previsto per le 12.30 dell′8 settembre 2021.

Si sentono Abdeslam, Amri e Attou che parlano l’uno sull’altro. “Questo è il terzo. Il terzo controllo. Ad essere onesti, lo troviamo un po’ fastidioso”, dicono. “Di certo, capiamo il perché”.

“Mi sono sentita in colpa” ha confessato Legrand, “ma poi ho ricordato i fatti, io in quel momento, semplicemente non avevo gli elementi per riconoscere Abdeslam. Né io, nè la polizia”.

Un anno dopo gli attentati di Parigi, il procuratore federale belga Frédéric Van Leeuw in una puntata del programma investigativo VRT ‘Pano’ ha spiegato perché quel giorno Abdeslam e i suoi complici non furono arrestati.

“Salah Abdeslam era stato segnalato come sospetto. I gendarmi francesi avevano ricevuto l’avviso e avevano chiesto ai colleghi belgi come si dovessero comportare” ha detto. “Questo intorno alle 9.00 del mattino, ma la risposta arrivava solo alle 10:45, quando li avevano già fatti andare via”. ha continuato. “Naturalmente è accaduto perché era un momento di grande confusione e gli agenti di polizia erano sopraffatti dai controlli da fare”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli