"Batteremo il coronavirus, poi l'Europa ci aiuti", dice il ministro Boccia

Paolo Molinari

Il decreto Cura Italia è stato varato in un clima di unità nazionale che ha portato anche le opposizioni a smussare i toni della polemica in nome dell'interesse collettivo. Ma questo 'all in' del Governo non basterà probabilmente a rilanciare la crescita economico una volta che l'emergenza sanitaria sarà archiviata.

L'AGI ne ha parlato con il ministro degli Affari Regionali, Francesco Boccia. Il ministro, da giorni impegnato a coordinare la cabina di regia Governo-Regioni predisposta nella sede della Protezione Civile, annuncia un nuovo provvedimento ad aprile, focalizzato proprio su imprese e crescita. 

Ora che il decreto Cura Italia è definito in tutte le sue parti, c'è la possibilità di fare una previsione sui tempi di recupero del 'malato Italia'?

"Fare una previsione sui tempi di recupero è prematuro. Il governo, con il decreto Cura Italia, ha messo in campo misure coraggiose, per dare risposte immediate ai lavoratori, agli operatori sanitari, alla protezione civile, alle forze dell'ordine, alle Regioni e agli Enti locali. Tutti coloro che sono impegnati in prima linea nell'affrontare l'emergenza coronavirus. Ci sono poi le misure per le famiglie, per le migliaia di nostre aziende costrette a chiudere, per gli autonomi, gli artigiani. È un primo passo".

Ce ne saranno altri? Quali?

"Credo sia inevitabile, abbiamo portato il Paese al minimo della velocità, il 90% delle attività è bloccato. Lo Stato continuerà a farsi carico dell'emergenza finché ce ne sarà bisogno. Ad aprile faremo un nuovo decreto incentrato sulle imprese, la crescita e gli investimenti".

Quali sono i tempi di ripresa previsti per il tessuto economico?

"È presto per lanciarsi in previsioni, l'emergenza coronavirus è ormai globale. In Spagna, Francia, Germania  i numeri sono già impressionanti. Ogni Paese, per paura del contagio, sta piano piano chiudendosi in sé stesso. È un grosso rischio, soprattutto in Europa".

Come se ne esce?

"Ne usciremo soltanto se come Unione Europea rimarremo uniti e solidali l'uno con l'altro. Perché il virus passerà, sarà sconfitto, ma poi insieme dovremo ricomporre i cocci di un vaso andato in frantumi, che è il nostro sistema economico. Questa è la grande occasione per l'Europa di dimostrare di essere veramente l'Europa politica".

Nelle ore precedenti il varo del decreto è stata alta la tensione tra governo e le regioni Lombardia e Veneto. Qual è lo stato dei rapporti?

"La Lombardia, dato il numero esponenziale dei contagi, è stata la priorità delle priorità per il governo. Fermo restando che l'organizzazione della sanità è regionale, lo Stato, la Protezione civile e gli uffici del commissario Arcuri, stanno dando alle regioni una mano in più. Il Veneto ha una prevenzione territoriale pubblica più diffusa e capillare e ha retto meglio la crisi. Ma sono tutte risorse, mezzi e attrezzature aggiuntive".

E per il 'caso mascherine'?

"C'è una norma inserita nel decreto Cura Italia che consentirà alle aziende italiane del settore di produrre mascherine non sanitarie, ma filtranti, pensate per tutti i cittadini e lavoratori, per l'uso quotidiano. Potranno essere acquistate direttamente dalle Regioni o dal commissario Arcuri; un'altra norma permetterà di produrre mascherine chirurgiche per gli operatori sanitari con la sola approvazione, per le aziende che si proporranno, dell'Istituto superiore di sanità. L'attenzione dello Stato è massima per sostenere le Regioni in ogni modo possibile e snellire le procedure di autorizzazione".

Qual è la situazione al Sud?

"L'impatto sul Sud lo vedremo nelle prossime settimane, al momento i contagi sono ancora sotto controllo e da quello dipenderanno tutta una serie di conseguenze anche economiche. Quello che posso dire, ad oggi, è un grazie alle regioni del mezzogiorno che in silenzio e con grande senso di responsabilità si stanno mettendo a disposizione dell'intero Paese. Ognuno sta facendo la propria parte, mostrando grande solidarietà".