Battiato: l'aula della Camera lo ricorda, 'da oggi Patria un po' più povera'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 18 mag (Adnkronos) – L'aula della Camera ha ricordato Franco Battiato con una serie di interventi di deputati dei vari gruppi parlamentari. E' stato Federico Mollicone, di FdI, a chiedere di poter ricordare il cantautore siciliano: "Un grande della musica, del teatro, del cinema, della poesia. Un maestro spirituale e esoterico", ha detto Mollicone tra gli applausi di Montecitorio.

"Non solo un uomo colto e umanissimo, un mistico, sperimentatore, eremita, lascia un vuoto grandissimo. La nostra Patria da oggi è un po' più povera", ha sottolineato Luciano Nobili, di Iv. "Le sue poesie sono un faro anche per i giovani, per chi verrà. Un grazie al ministro Franceschini che ha subito deciso di dedicare a Battiato la casa del cantautore di Genova", ha detto Carla Cantone, del Pd.

Luca Rodolfo Paolini, della Lega, ha spiegato che "la vita di tutti noi si è incrociata con le canzoni di Battiato" e Antonella Papiro, del M5s, ha parlato di "un libero pensatore, un poeta della musica che ha gettato le basi di un percorso mai banale. Mi sento di dover di ringraziare un grande maestro della musica capace di guidare con sua genialità tanti musicisti come me, riuscendo e diventare riferimento musicale intere generazioni".