Battisti, il nipote: "Siamo famiglia in attesa"

webinfo@adnkronos.com

"Noi siamo una famiglia in attesa, vediamo cosa succederà in futuro". A dirlo all'Adnkronos il nipote di Cesare Battisti, dopo la decisione della prima sezione penale della Cassazione che ha confermato per l'ex terrorista dei Pac l'ergastolo dichiarando inammissibile il ricorso presentato dalla difesa contro l'ordinanza con cui la Corte di Assise di appello di Milano aveva negato la commutazione della pena dell'ergastolo in quella di trent'anni di reclusione.  

"Questa decisione - dice Antonio Battisti - preferisco non commentarla".  "Noi continuiamo ad andare a trovarlo in carcere - racconta il nipote dell’ex terrorista - E' abbastanza sereno, continua a fare quello che ha sempre fatto: scrive romanzi".