Battisti scrive a compagni: ultimi 15 anni sono stati un inferno -2-

Nav

Roma, 7 set. (askanews) - Cesare Battisti poi continua: "Mi chiedo, sarà possibile che con una persecuzione simile, che ha superato in mezzi e durata l'immaginabile, è possibile, dico io, che quelle buone teste di compagni lungimiranti siano riuscite a resistere all'avvelenamento della disinformazione, che non si siano lasciate attingere anche loro, inconsciamente, in maniera moderata, come il martello che a forza di battere ha ragione del chiodo, da una tale organizzazione scientifica della menzogna? Perché, se così non fosse, come spiegare allora che alcuni compagni pretendano da me esattamente quello che da me si aspettano l'opinione pubblica, leggi, istituzioni?".

Insomma "il 'mito Battisti' è stato creato per abbatterlo, questo si capisce ed ha una logica feroce; quello che non si capisce è il 'mito' ripreso anche dai compagni, un buon 'mito' da sventolare in nome della lotta rivoluzionaria. E succede che poco importa che quel 'mito' sia fatto di carne e ossa, che non ne possa più di essere martirizzato - martire da agitare, secondo i gusti, da un lato o dall'altro della barricata. In fondo, chi avrei realmente danneggiato assumendo le mie responsabilità relative a un processo definitivo, archiviato, demonizzato? Non avrei dovuto dire del fallimento della lotta armata? E perché no? Giacché l'avevo sonoramente dichiarato nel 1981 e ripetuto. C'è qualcuno oggi che può onestamente dire che la lotta armata era da fare, che ne sia valsa la pena? (E non confondiamo Movimento con partiti combattenti). Ho preso questa decisione perché se non smitizzavo il mostro, se non dicevo che sono appena umano, allora sarebbe stato meglio se mi avessero scaraventato subito giù dall'aereo di Stato".

"Volete avere un'idea certa su ciò da cui dovevo liberarmi? Ebbene, chiedete pure agli amici di strada, parenti, conoscenti qualunque, colleghi, chiedete loro cosa pensano di Cesare Battisti e avrete la risposta su cosa era che mi toglieva il respiro. Ho confessato senza chiedere una riduzione di pena, è stata anzi la premessa e proprio in questi giorni avete assistito alla conferma dell'ergastolo da parte della Corte d'Assise di Milano, la quale ha grossolanamente legalizzato un sequestro di persona in Bolivia. Ergastolo, tra l'altro, unico al processo PAC!". (Segue)