Battisti scrive a compagni: ultimi 15 anni sono stati un inferno -3-

Nav

Roma, 7 set. (askanews) - Battisti quindi sottolinea: "La domanda da porre sarebbe più concretamente questa: valeva la pena? Sì, indubbiamente (a parte le omissioni che ho lasciato passare al momento della firma, lamento la stanchezza), perché, nonostante il massacro, ho ancora voglia di avere un cervello tutto mio, una sedia e un tavolo per scrivere a voi, alla famiglia e a tutti quelli che ancora vogliono leggere. Ho scritto d'un sol getto, non farò correzioni e, se incoraggiato, posso raccontare in seguito i retroscena di Ciampino, immagino che i media ci abbiano vomitato su. Un abbraccio a chi lo vuole".