Battisti scrive a compagni: ultimi 15 anni sono stati un inferno

Nav

Roma, 7 set. (askanews) - "Mi si chiede, era veramente necessario assumermi le responsabilità politiche e penali, insomma la dichiarazione al procuratore di Milano? Mi chiedo, quale necessità muove coloro che si pongono questa domanda? Perché, se io sapessi esattamente cosa ci si aspettava da me, mi sarebbe allora più facile calarmi al loro posto e magari trovarci qualche buona ragione, che sicuramente non manca, per dubitare dell'opportunità o meno della mia decisione". Inizia così la lettera inviata ai compagni da Cesare Battisti e pubblicata dal quotidiano web 'Carmilla', che promuove "letteratura, immaginario e cultura d'opposizione".

L'ex terrorista dei Pac, arrestato a gennaio scorso in Bolivia dopo 37 anni di latitanza, continua: "Ma quanti di questi, a cui vorrei sinceramente rispondere, non solo perché lo meritano, ma anche perché lo considero un dovere di compagno, possono veramente calarsi al mio posto? Ossia, come faccio a spiegare cosa mi succede adesso, senza poter dire che l'oggi è il risultato accumulato negli ultimi quarant'anni, soprattutto da febbraio 2004 in Francia fino al 23 marzo a Oristano?".

Poi aggiunge: "Prendiamo solo questi ultimi quindici anni. Sono stati un inferno continuo, tra anni di carcere, arresti rocamboleschi, enorme dispendio di energia personale e di forze solidali, in una persecuzione spietata, senza riserve e mai vista prima. Mi ha visto abbandonare più volte casa, famiglia, ripudiato nella pubblica via, scacciato dai posti di lavoro, quando ne trovavo uno, a causa di un'opinione pubblica avvelenata da una propaganda di media senza scrupoli, con lo scopo di disarcionarmi ogni volta che riuscivo ad aggrapparmi a una speranza di vita normale. Lasciamo perdere i gravi problemi finanziari, rischierei di essere patetico". (Segue)