Battistoni (Mipaaf): combattere spreco alimentare sin dai campi

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 4 giu. (askanews) - Da poco il Senato ha approvato la legge sul biologico, che ora deve venire approvata alla Camera. Questo è quindi il momento per intervenire anche sullo standard dei prodotti alimentari, soprattutto di quelli bio. "I prodotti biologici sono per natura meno 'perfetti' di quelli convenzionali, ma in realtà non vale l'equazione 'più bello uguale più buono'. Per me la battaglia di aprire alla possibilità di mettere in commercio prodotti che non rispettano perfettamente lo standard, è una battaglia da portare avanti subito". Lo ha detto il sottosegretario alle Politiche agricole Francesco Battistoni intervenendo oggi nel webtalk organizzato da Legambiente e NaturaSì su "CosìPerNatura, un progetto antispreco per l'agricoltura" a cui hanno partecipato anche Fausto Jori, Ad di NaturaSì; Giorgio Zampetti, direttore generale di Legambiente; Susanna Cenni, vicepresidente Commissione Agricoltura alla Camera; Rossella Muroni, vicepresidente Commissione Ambiente alla Camera; Mariagrazia Mammuccini, Presidente di Federbio.

Il progetto sul recupero e la vendita di prodotti non perfettamente aderenti alle norme dettate dagli standard ha permesso di passare dal 21% di prodotti scartati sul campo a un fisiologico 4%, e ha ricevuto oggi un importante endorsment politico.

Per Susanna Cenni, vicepresidente della Commissione Agricoltura della Camera, "si tratta di un progetto che va nella stessa direzione della Farm to Fork, che indica per il 2030 il dimezzamento dello spreco alimentare". In altri Paesi, come la Francia, esperienze volute dal governo come quella denominato 'Frutta Brutta' hanno molto contribuito alla diminuzione dello spreco alimentare e al reddito degli agricoltori, ricorda Cenni per cui "lo spreco di cibo sui campi è punto importantissimo su cui intervenire anche a livello parlamentare".

Per Rossella Muroni, vicepresidente Commissione Ambiente della Camera, "occorre agire velocemente con una mozione o un documento congiunto tra Commissione Agricoltura e Ambiente della Camera che ci aiuti a normare e a portare il tema all'attenzione di tutti, non solo per la sua valenza come educazione alimentare, ma come azione positiva nei confronti dell'ambiente e contro lo spreco".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli