Bazoli (Pd): Salvini garantista per se stesso, non per Conte

Rea

Roma, 12 giu. (askanews) - "Secondo Salvini, che si conferma campione del garantismo a giorni alterni, cio solo quando gli fa comodo, il pm che oggi ha sentito il premier Conte avrebbe gi emesso la sentenza: la colpa della mancata zona rossa ad Alzano sarebbe del governo, e Conte dovrebbe chiedere scusa. Salvini omette che Conte non indagato ma sentito come persona informata dei fatti, che siamo in sede di indagine e non di processo, e che in Italia non sono i pubblici ministeri ma i giudici a emettere le sentenze (e per fortuna)". Cos Alfredo Bazoli, capogruppo Pd in commissione Giustizia alla Camera.

"Salvini, lui s indagato, e per un reato gravissimo come il sequestro di persona, urla e strepita contro i pubblici ministeri che lo accusano, cerca di sottrarsi al processo evocando il complotto, e si appella alle garanzie contro i soprusi della magistratura. Ma quando si tratta di avversari politici per lui la condanna, sommaria, arriva subito: basta essere ascoltati da un pm per essere colpevoli. E c' ancora qualcuno che vuole dare credito alla favoletta dei garantisti all'opposizione e i giustizialisti al governo?", conclude Bazoli.