Bce, banche dovrebbero essere caute su politica dividendi - De Cos

·1 minuto per la lettura
Un semaforo ross davanti al palazzo della Bce a Francoforte

MADRID (Reuters) - Le banche europee dovrebbero continuare a mantenere un approccio prudente per quanto riguarda le loro future politiche di dividendi, poiché l'impatto della pandemia di coronavirus non è ancora completamente riflesso nei bilanci delle banche.

Lo afferma oggi Pablo Hernandez de Cos, membro della Banca centrale europea.

A dicembre la Bce ha deciso di permettere alle banche di pagare ai propri azionisti parte dei propri utili accumulati nel 2019-2020, a patto di avere capitale sufficiente, allentando il divieto, imposto indistintamente a tutti gli istituti durante la prima ondata della pandemia, di distribuire dividendi e procedere a buyback.

Tuttavia la Bce ha chiesto comunque alle banche di essere caute nel preservare capitale in vista di un'ondata di prestiti deteriorati, che potrebbe raggiungere un valore di 1.400 miliardi di euro.

"La raccomandazione rimane valida fino a fine settembre 2021 quando, se non ci saranno sviluppi sfavorevoli, la Bce intende revocare la raccomandazione e ritornare a valutare il capitale e i piani di distribuzione di dividendi delle banche", ha detto De Cos durante un evento finanziario in Spagna.

(Tradotto da Redazione Danzica, in Redazione a Milano Maria Pia Quaglia)