Bce fissa target inflazione a 2% dopo 18 mesi analisi revisione strategia

·3 minuto per la lettura
Il logo della Banca centrale europea Bce a Francoforte

FRANCOFORTE (Reuters) -La Banca centrale europea ha fissato oggi un nuovo target per l'inflazione e si è ritagliata un ruolo di primo piano nella lotta al cambiamento climatico, impegnandosi nella più grande riforma dei suoi 23 anni di storia.

Con l'inflazione che si è fermata al di sotto del target per quasi un decennio, la presidente della Bce Christine Lagarde ha guidato un'analisi approfondita di 18 mesi negli ingranaggi nascosti della banca centrale, mettendo in discussione perfino i principi fondamentali del funzionamento delle banche centrali nella speranza di reimpostarne la strategia e rinnovarne la credibilità.

Nelle conclusioni principali di questa revisione, la banca centrale dei 19 paesi che condividono l'euro ha fissato il target per l'inflazione al 2% nel medio termine, superando la precedente formulazione di "al di sotto ma vicino al 2%", che aveva generato l'impressione che Francoforte si preoccupasse maggiormente della crescita dei prezzi al di sopra del target che al di sotto.

"Siamo consapevoli che il target del 2% non sarà rispettato costantemente, ci potrebbe essere qualche moderato e temporaneo discostamento dal 2%. E va bene così", ha detto Lagarde nel corso di una conferenza stampa convocata per presentare la revisione.

"Stiamo fissando un obiettivo di inflazione media come la Federal Reserve? La risposta è no, decisamente", ha detto la presidente Bce riguardo alla scelta di politica monetaria di tollerare l'overshooting per mantenere un certo tasso medio.

Inaugurato all'inizio degli anni '90 dalle piccole banche centrali della Nuova Zelanda e del Canada, l'inflation targeting è ampiamente ritenuto in grado di tenere sotto controllo la crescita dei prezzi e garantire un periodo di prezzi stabili.

Ma l'esperimento ha dato risultati contrastanti, specialmente nell'ultimo decennio quando la Bce o la Banca del Giappone hanno dovuto confrontarsi con un'inflazione eccessivamente bassa che li ha costretti a tagliare i tassi d'interesse in territorio negativo, sollevando dubbi sulla capacità di azione delle banche centrali.

Il costante undershooting ha sollevato la possibilità di cercare un tasso di inflazione oltre il target, ma la Bce ha concluso che crescite dei prezzi al di sopra e al di sotto del target siano ugualmente indesiderabili, e non punterà all'overshooting malgrado i lunghi periodi di bassa inflazione.

"Questo target è simmetrico, il che significa che deviazioni positive e negative rispetto al target sono ugualmente indesiderabili", ha detto la Bce.

OVERSHOOTING

La Bce ha ammesso che in certe situazioni, quando sia necessario un supporto monetario particolarmente forte o persistente, l'inflazione potrebbe moderatamente eccedere il target per un periodo transitorio.

Ma la nuova politica monetaria non punterà a un overshooting dell'inflazione dopo lunghi periodi di bassa crescita dei prezzi, potenzialmente deludendo gli investitori che speravano in un impegno in quella direzione, che assicurerebbe lo stimolo monetario anche a ripresa economica ormai avviata.

La Bce ha anche specificato di non essere soddisfatta della misurazione attuale dell'inflazione messa a punto dall'agenzia di statistica della Ue, dal momento che quest'ultima esclude una buona parte dei costi delle abitazioni, ma ha ammesso che qualsiasi cambiamento richiederebbe anni e che pertanto i decisori guarderanno ad altre misurazioni dell'inflazione.

"Il consiglio direttivo terrà conto nelle sue valutazioni di politica monetaria delle misurazioni dell'inflazione che includano stime iniziali del costo di una casa abitata dal proprietario come supplemento a quelle più ampie a disposizione".

(In redazione a Milano Alessia Pé, Gianluca Semeraro Tradotto da Luca Fratangelo in redazione a Danzica, in redazione a Roma/Milano XXX, luca.fratangelo@thomsonreuters.com, +48587696613)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli