**Bce: Schnabel, 'inflazione non preoccupa, possibile forte calo già da 2022'**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 13 set. – (Adnkronos) – Alla luce "dell'aumento dei tassi di inflazione, in particolare in Germania" la Bce vuole "placare i timori della gente sul fatto che l'inflazione possa rimanere costantemente troppo alta o addirittura aumentare in modo incontrollabile. Con ogni probabilità, l'inflazione diminuirà notevolmente già dal prossimo anno". Lo sottolinea Isabel Schnabel, membro del Comitato Esecutivo della Bce in un intervento a un convegno a Baden-Baden.

L'economista tedesca segnala come "tenendo conto del livello estremamente basso di inflazione dello scorso anno, i tassi attuali dovrebbero essere interpretati con cautela".

La Schnabel osserva come nell'Eurozona i cittadini "negli ultimi due anni hanno perso in media meno potere d'acquisto rispetto alla media degli ultimi 20 anni" e comunque "la Bce continuerà a salvaguardare con decisione la stabilità dei prezzi nell'area dell'euro. Contrasteremo con forza le persistenti deviazioni al rialzo e al ribasso dal nostro obiettivo di inflazione". "Agiremo con attenzione e cautela per uscire finalmente dopo tanti anni dallo scenario dei bassi tassi di interesse" conclude.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli