Bce: tassi fermi e piano d'acquisto invariato

Antonio Cardarelli
·2 minuto per la lettura
Bce: tassi fermi e piano d'acquisto invariato
Bce: tassi fermi e piano d'acquisto invariato

Attese confermate: la Banca Centrale Europea non ritocca i tassi d'interesse e il piano di acquisti dopo le modifiche già apportate a dicembre

Come ampiamente previsto nei giorni precedenti, la Bce non apporta modifiche né ai tassi d’interesse né al piano di acquisto di titoli. Le decisioni prese durante il board di oggi sono state rese note con una nota stampa, in attesa della conferenza che la presidente Christine Lagarde terrà alle 14,30.

TASSI FERMI

I tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali, sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sui depositi presso la banca centrale rimarranno invariati rispettivamente allo 0,00%, allo 0,25% e al -0,50%. “Il Consiglio direttivo – si legge nella nota - si attende che i tassi di interesse di riferimento della BCE si mantengano su livelli pari o inferiori a quelli attuali finché non vedrà le prospettive di inflazione convergere saldamente su un livello sufficientemente prossimo ma inferiore al 2% nel suo orizzonte di proiezione e tale convergenza non si rifletterà in maniera coerente nelle dinamiche dell’inflazione di fondo”.

PEPP CONFERMATO

In secondo luogo, il Consiglio direttivo proseguirà gli acquisti nell’ambito del Programma di acquisto per l’emergenza pandemica (pandemic emergency purchase programme, PEPP) con una dotazione finanziaria totale di 1.850 miliardi di euro, che già lo scorso dicembre era stato aumentato di 500 miliardi di euro. Esso condurrà gli acquisti netti di attività nell’ambito del PEPP almeno sino alla fine di marzo 2022 e, in ogni caso, finché non riterrà conclusa la fase critica legata al coronavirus. Gli acquisti nel quadro del PEPP saranno condotti per preservare condizioni di finanziamento favorevoli nel periodo della pandemia, con la possibilità di “non utilizzare completamente la disponibilità” in caso di condizioni favorevoli, o di ricalibrare, se reso necessario dallo shock economico.

SCADENZA FINE 2023 PER I RIACQUISTI

Il Consiglio direttivo continuerà a reinvestire il capitale rimborsato sui titoli in scadenza nel quadro del PEPP almeno sino alla fine del 2023. In ogni caso, la futura riduzione del portafoglio del PEPP sarà gestita in modo da evitare interferenze con l’adeguato orientamento di politica monetaria. Gli acquisti netti nell’ambito del Programma di acquisto di attività (PAA) proseguiranno a un ritmo mensile di 20 miliardi di euro. Il Consiglio direttivo continua ad attendersi che gli acquisti netti mensili di attività nel quadro del PAA proseguiranno finché necessario a rafforzare l’impatto di accomodamento dei suoi tassi di riferimento e che termineranno poco prima che inizierà a innalzare i tassi di riferimento della BCE. Il Consiglio direttivo intende inoltre continuare a reinvestire, integralmente, il capitale rimborsato sui titoli in scadenza.

OPERAZIONI DI RIFINANZIAMENTO

Infine, il Consiglio direttivo continuerà a fornire abbondante liquidità attraverso le sue operazioni di rifinanziamento. In particolare, la terza serie di operazioni mirate di rifinanziamento a più lungo termine (OMRLT-III) resta per le banche una fonte di finanziamento interessante, a sostegno del credito bancario alle imprese e alle famiglie.