Bce vara nuova strategia, più flessibilità sull'inflazione

·1 minuto per la lettura

ROMA (ITALPRESS) - Ci rivediamo a settembre. Con questo saluto, implicito, la presidente della Bce, Christine Lagarde ha chiuso la sua conferenza stampa dopo il Consiglio Direttivo. Al momento, infatti, l'emergenza sanitaria rimane e quindi non è il caso di cambiare impostazione. La ripresa economica, infatti, è in corso, aumentano le persone vaccinate e vengono allentati i blocchi: ma il virus circola ancora. "La variante Delta costituisce una fonte di incertezza" soprattutto per settori strategici come l'industria delle vacanze che rischia di bloccarsi per il secondo anno consecutivo.

Da qui la decisione del Consiglio direttivo della Banca centrale europea che ha lasciato invariati i tassi e confermato il bazooka monetario ai ritmi consueti. Una maniera per introdurre in maniera morbida la revisione strategica che prevede una valutazione più flessibile dell'inflazione intorno al 2%. In precedenza, invece, il tetto era insuperabile. Il cambio è stato sofferto.

La decisione non è stata unanime. "È stata presa a larghissima maggioranza", non all'unanimità, ma "c'è stata unanimità sulla direzione della politica", ha indicato la Lagarde sostenendo che nessuno dei membri del Consiglio Bce vuole inasprire la politica monetaria prima del tempo. "Sarebbe un errore - ha detto - e la nuova strategia evita che ci sia una stretta prematura".

(ITALPRESS).

ns/sat/red

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli