Bebe Vio grandiosa, oro nel fioretto: "Ho rischiato di non tornare a tirare"

·1 minuto per la lettura

AGI  - "A Rio è stata l'emozione della prima volta. Questa e' diversa. Questa volta non dovevo nemmeno essere qui, abbiamo preparato l'olimpiade in due mesi. Ho avuto un infortunio particolarmente grave. Mi avevano detto che nemmeno sarei tornata a tirare. E' stata veramente tosta. Ringrazio tutti, fisioterapisti, coach... sono stata molto fortunata". Lo ha detto una emozionatissima Bebe Vio ai microfoni di Rai Sport, dopo la vittoria della medaglia d'oro alle Paralimpiadi di Tokyo.

"Cosa mi ha detto Pancalli sul podio? Mi è stato molto vicino durante il periodo dell'infortunio, sul podio mi ha chiesto di non fare danni, era sicuro che avrei fatto cadere la medaglia".

L'intervento medico durante la gara "e' stata una conseguenza dell'infortunio", ha aggiunto la campionessa. Era una rivincita per l'avversaria cinese, dopo l'olimpiade brasiliana: "Rispetto a Rio - ha detto Bebe Vio - è cambiata la tecnica, la distanza fra le carrozzine. Abbiamo dovuto studiare molto. Lei vuole vincere parecchio, io volevo vincere di piu'. Sul podio mi ha detto: goditela perche' la prossima volta ti batto".

La campionessa ha dedicato la medaglia alla sua famiglia e all'equipe medica. "Domani c'e' una gara veramente importante - ha detto ancora - quando sai che sei in squadra, è bello sapere che devo vincere anche per gli altri". Migliorare il bronzo di Rio? "Lo scopo è quello, vediamo cosa riusciamo a fare", ha concluso. 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli