BeIN Sports contro la Serie A: è caos sui diritti tv in Medio Oriente e Nord Africa

·1 minuto per la lettura

La Lega Serie A ha rifiutato tutte le offerte pervenute da Medio Oriente e Nord Africa (MENA) per l'assegnazione dei diritti tv durante il triennio 2021-2024. La decisione è stata comunicata durante l'assemblea svoltasi ieri pomeriggio. Nelle prossime settimane verranno avviati i dialoghi con altri possibili acquirenti, anche se la trattativa si preannuncia complicata. L'attuale fase di stallo è dovuta agli attriti con beIN Sports, che aveva stretto un accordo con la Serie A per le ultime stagioni del campionato italiano. Come riportato dall'agenzia Associated Press, i contrasti sono sorti a causa del legame tra Italia e Arabia Saudita (dove si sono disputate tre finali della Supercoppa Italiana) e dei numerosi casi di pirateria che si sono verificati con l'emittente saudita beoutQ.

Stadio Olimpico di Roma | Paolo Bruno/Getty Images
Stadio Olimpico di Roma | Paolo Bruno/Getty Images

Un vero e proprio caso diplomatico che negherà alla Serie A un incasso di 112 milioni di euro a stagione per la trasmissione delle partite da parte di beIN Sports che, come affermato dall'amministratore delegato Luigi De Siervo, "valeva il 50% del nostro pacchetto e hanno deciso di non prendere parte alla nostra asta, proibendo a tutti i loro amici e intermediari di fare offerte per i loro Paesi. Quindi siamo stati ostracizzati da beIN e questo rende tutto molto complicato e difficile".

Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato su tutte le ultime novità di mercato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli