A Beirut a due anni dall’esplosione al porto: immagini shock

featured 1607014
featured 1607014

Beirut, 11 mag. (askanews) – L’odore di grano bruciato nei silos del porto di Beirut toglie il respiro. Tutto è rimasto come due anni fa: l’inchiesta in corso impedisce di rimuovere i detriti di una esplosione che si è estesa su un raggio di 6 chilometri.

“Qui arrivano le navi per poi scaricare materiale che poi viene distribuito in tutti i Paesi del Medio Oriente”, raccontano nel luogo esatto dove il 4 agosto 2020 una grossissima esplosione nel porto di Beirut, il capoluogo del Libano, ha provocato 243 morti. Edifici a venti km portano ancora i segni del boato.

Queste le immagini terribili dell’area ancora sotto sequestro.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli