“Bella da morire”, Capotondi contro i femminicidi su Rai 1

“Bella da morire”, Capotondi contro i femminicidi su Rai 1

Roma, 11 mar. (askanews) – Sono donne forti, emancipate, appassionate del proprio lavoro le protagoniste della serie “Bella da morire”, che cercano di scoprire la verità e fare giustizia per altre donne a cui è stata tolta la voce e, a volte, la vita. Da domenica 15 marzo su Rai1 per quattro serate seguiremo le indagini portate avanti dalla spigolosa ispettrice di polizia Eva Cantini, interpretata da Cristiana Capotondi, dall instancabile PM Giuditta Doria (Lucrezia Lante della Rovere), e dalla giovane e singolare Anita Mancuso, impersonata da Margherita Laterza, genio della medicina legale.

Con loro collaborerà un poliziotto interpretato da Matteo Martari e ognuno porterà il proprio vissuto nelle indagini. E man mano che ci si avvicina alla verità questo vissuto tornerà ad affiorare, scombinando equilibri familiari, facendo emergere insospettabili intrecci di segreti e relazioni malate.

“Bella da morire” è una serie crime che punta a dare visibilità a un tema tristemente attuale come quello dei femminicidi, cercando di restituire la complessità, i retroscena e le sfumature di queste storie.