Bellanova: "Tutti rispettino patti, chiesto incontro a Conte"

webinfo@adnkronos.com

"Invitiamo tutti al maggiore rispetto delle intese sottoscritte. Il primo punto era evitare l'entrata in vigore delle clausole dell'Iva. Poi abbiamo visto che qualcuno se ne era dimenticato e abbiamo fatto una battaglia sui 23 miliardi per sterilizzare l'Iva e alla fine è stato così". Lo dice la ministra Teresa Bellanova, alla Leopolda, parlando con i cronisti. 

"Io dico che Italia Viva è no tasse. Abbiamo detto no sull'Iva, no a tasse rispetto al sistema produttivo perché l'emergenza di questo Paese, e vorrei che fosse chiaro per tutti, si chiama lavoro e si crea non se si aumentano le tasse ma se aumenta la competitività, la crescita e se le imprese producono redditività che potrà essere ridistribuita", aggiunge Bellanova rispondendo a una domanda dei giornalisti se concordasse con Maria Elena Boschi che ha detto che "il Pd è il partito delle tasse". 

"Se non ci sentiamo ascoltati da Conte? Diciamo che noi abbiamo chiesto un incontro al presidente della Repubblica e lo abbiamo avuto la scorsa settimana. Abbiamo fatto la stessa identica richiesta al presidente Conte e mi ha fatto sapere che ci farà avere una data", spiega il ministro delle Politiche agricole. "Noi siamo quelli che stanno costruendo una nuova casa, perché abbiamo preso atto che non c'erano più le condizioni per stare nel Pd, dopodiché abbiamo fatto un accordo di governo ma il M5S non sarà un nostro alleato strategico alle prossime politiche. Saremo avversari. Noi abbiamo fatto un accordo di governo e su quello credo che dobbiamo dimostrare tutti serietà e rigore".  

"Noi diciamo semplicemente che il M5s per noi non è un alleato strategico. Abbiamo fatto un patto di governo per impedire la realizzazione di un progetto che un signore che stava in una spiaggia pensava di poter imporre a questo Paese, chiedendo pieni poteri, di annullare il ruolo del Parlamento, del presidente della Repubblica perché eravamo già con l’indizione delle elezioni. Abbiamo fatto un accordo, ma al prossimo appuntamento nazionale di voto noi e il M5s saremo avversari".