Bellanova a Zingaretti: “Una coalizione ha il dovere di confrontarsi”

bellanova zingaretti

La ministra per le Politiche Agricole, Teresa Bellanova, durante un’intervista ha attaccato il segretario del Pd, Nicola Zingaretti. Il governatore del Lazio, infatti, aveva richiesto a Matteo Renzi un po’ di collaborazione per l’approvazione della Manovra, ma con modi non proprio garbati. Infatti, Bellanova ha spiegato che “questi penultimatum tolgono credibilità alla politica”. “Se ora Gualtieri apre al confronto in Parlamento forse anche a lui qualcosa non torna” ha poi proseguito la ministra. Su Giuseppe Conte, infine, ha rivelato che Italia viva “non mette in discussione nessuno” ma “il governo non è nato per confermare Conte o singoli esponenti. Non è questione di questo o quello. Se mostriamo capacità di risolvere i problemi non è messo in discussione nessuno”.

Bellanova attacca Zingaretti

In vista dell’approdo della Manovra economica alla Camera, Teresa Bellanova ha fatto notare a Nicola Zingaretti che ogni ultimatum si rivela alla fine un penultimatum. Inoltre, questi attacchi continui fanno “perdere credibilità alla politica”. Bellanova evidenzia il fatto che “una coalizione ha il dovere di confrontarsi. Se anche il ministro dell’Economia dice che ci si può confrontare, è evidente che il Parlamento deve poter discutere”.

Rispetto invece alla svolta ecologica, la ministra ha aggiunto: “Le riserve su sugar tax, auto aziendali, plastic tax sono verbalizzate. Non sono misure strategiche, non servono all’obiettivo ma solo a trovare coperture”. Infine, se il governo rischia di cadere, secondo Bellanova, è perché “non dà risposte o dà quelle sbagliate”.