Bellocchio: “Allora fascisti e anti-fascisti rischiavano la vita”

featured 1666509
featured 1666509

Roma, 3 nov. (askanews) – “Poi dopo, con la tragedia di Aldo Moro politicamente l’Italia non sarà più la stessa, cambierà tutto. Ma non è che questi siano peggio o meglio, sono diversi. E poi in una politica in cui oggi si parla d’altro… Allora si parlava di destra, di sinistra, di Partito Comunista, di Democrazia cristiana, cioé, di contrapposizioni, di storie che partivano dal fascismo… Adesso siamo proprio in una politica che è irriconoscibile rispetto a quella”: così il pluripremiato regista Marco Bellocchio, a margine della presentazione di “Esterno Notte”, serie con la quale torna ad occuparsi del caso Moro, presentata in anteprima a Cannes, poi uscita nei cinema in due parti e ora in onda su Rai 1 in prima serata dal 14 novembre.

Sulla polemica di Predappio, Bellocchio sottolinea: “Non ha più quella virulenza, come se fosse una pagliacciata. Il fatto è che allora per essere fascisti o antifascisti si rischiava la vita, oggi no”.