Benigni riceve il Leone d'Oro, dichiarazione d'amore alla moglie (e a Mattarella)

·1 minuto per la lettura
VENICE, ITALY - SEPTEMBER 01: Roberto Benigni attends the red carpet of the movie
VENICE, ITALY - SEPTEMBER 01: Roberto Benigni attends the red carpet of the movie

“A Mattarella voglio bene. La vorrei abbracciare, rimanga qualche anno in più”. Roberto Benigni, premiato nella serata di apertura della Mostra di Venezia con il Leone d’oro alla carriera, ha rivolto anche un pensiero al Presidente della Repubblica durante il discorso di ringraziamento. Poi la dichiarazione d’amore alla moglie Nicoletta Braschi. “Non posso dedicare il Leone alla carriera a Nicoletta: è suo. Io mi prendo la coda, le ali sono le tue, talento, mistero, fascino e femminilità. Emani luce, amore a prima vista, anzi eterna vista” ha detto l’artista rivolgendosi alla moglie.

La decisione di attribuirgli il riconoscimento all’attore è stata presa dal cda della Biennale che ha accolto la proposta del direttore della Mostra Alberto Barbera.
“Il Leone? Mi meritavo un micino” ha scherzato il Premio Oscar, accolto da una standing ovation. “Non è un’emozione: è di più, è un sentimento d’amore quello che provo e che vorrei restituire decuplicato. Quando l’ho saputo ho fatto passi di rumba, nudo però”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli