I benzinai in autostrada resteranno chiusi dal 30 novembre

·2 minuto per la lettura

AGI - Dal 27 novembre saranno sospese le aperture notturne dei distributori di carburanti in autostrada e, da lunedì 30, anche quelle diurne. se non arriveranno aiuti dal governo: è l'avvertimento lanciato da Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc-Anisa Confcommercio in una lettera al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e all'esecutivo, in cui sottolineano che "il pressoché azzeramento delle vendite a fronte del mantenimento dei costi fissi" non permetterà dalla fine della prossima settimana "di garantire l'apertura degli impianti" con "continuità e regolarità". 

"Situazione insostenibile"

Le Federazioni che rappresentano i gestori degli impianti stradali ed autostradali di distribuzione carburanti, si legge nella lettera, "intendono porre alla loro attenzione la situazione di insostenibilità delle loro attività a seguito dei provvedimenti assunti e in corso di assunzione (zone rosse/arancioni/gialle), per la limitazione dei movimenti, della circolazione di cittadini e veicoli, della limitazione dell'apertura di scuole ed attivita' diverse (anche ad orario ridotto) e dell'adozione -su larga scala- del lavoro in smart working". E ricordano che "la distribuzione dei carburanti ha subito in questo 2020 un vero e proprio tracollo che porta a registrare perdite di erogato (e fatturato) superiore al 40% sulla viabilita' ordinaria e di circa il 70% su quella autostradale". E insistono: "Se non c'è mobilità (strade o autostrade che siano), non ci sono erogati e non c'è fatturato. E i gestori non possono rimanere con gli impianti aperti a solo presidio del territorio".

La denuncia della mancanza di sostegno

Pur apprezzando lo sforzo fatto dal Governo nella scorsa primavera, Faib, Fegica e Figisc/Anisa sottolineano che "da un lato non si sono concretizzati gli interventi ripetutamente annunciati quali il 'trasferimento' alle gestioni della riduzione delle royalties da parte dei Concessionari Autostradali agli Affidatari e dall'altro negli ultimi Atti in corso di conversione in Legge, la categoria e' stata esplicitamente esclusa da qualsiasi forma di ulteriore sostegno economico, pur in presenza di progressive e notevoli perdite per effetto dei provvedimenti nazionali e regionali sopra indicati". Da qui, la comunicazione che "essendo esaurite le disponibilità economiche e constatato il pressoché azzeramento delle vendite a fronte del mantenimento dei costi fissi- dalla fine della prossima settimana non saranno piu' in grado di garantire l'apertura degli impianti. Con continuità e regolarità. A partire dalle autostrade nelle quali, dal prossimo 27 Novembre, verranno sospese le aperture notturne e, dalla settimana seguente, anche quelle diurne".