Benzinaio decide di chiudere la domenica: “Voglio godermi la famiglia”

benzinaio-chiuso-domenica

Arriva dalla provincia di Monza e Brianza la storia di un benzinaio che ha deciso di tenere chiuso il suo esercizio commerciale durante la domenica per poter passare più tempo con la propria famiglia. A prendere l’audace decisione in questi tempi di crisi è stato il 44enne Cosimo Scarfone, che dal 2006 gestisce il distributore di benzina con annesso autolavaggio di via Milano a Desio. Nelle prossime domeniche sarà proprio l’autolavaggio a rimanere chiuso, malgrado la grande affluenza riscontrata nei giorni festivi.

Benzinaio rimane chiuso la domenica

Da alcuni giorni sono infatti apparsi alcuni cartelli nell’area della pompa di benzina di via Milano, sui quali si possono leggere le seguenti parole: “Per tutelare la serenità dei lavoratori e delle famiglie di questa attività, in comune accordo si è deciso di non aprire l’autolavaggio la domenica e festivi”. Una scelta che il signor Scarfone ha preso di comune accordo con i suoi sette dipendenti, riuniti appositamente per approvare la proposta che è passata all’unanimità.

A motivare la decisione del benzinaio è soprattutto il voler passare più tempo con la propria famiglia e con i suoi tre figli: “So che per molti non sarà più comodo non avere a disposizione l’autolavaggio la domenica. Mi dispiace. Ma questa è la nostra decisione. Ho passato molti anni a lavorare per tante ore. Ci ho sempre dato dentro col lavoro. Ora voglio godermi la mia famiglia e i miei figli.

I clienti approvano la decisione

La scelta del benzinaio Scarfone contribuisce a far riemergere l’antico dibattito sulla legittimità o meno del lavoro nei giorni festivi, che negli ultimi anni ha visto contrapporsi i sindacati contro le grandi catene di distribuzione le quali spesso rimangono aperte praticamente tutti i giorni: “Molti clienti hanno approvato la nostra scelta. Ci hanno detto che abbiamo fatto bene. Ci sono clienti che ci hanno confessato che anche loro vorrebbero stare a casa la domenica, ma non possono perché lavorano nei supermercati aperti sempre, compresi i giorni di festa”.