Beppe Sala “lancia” il panettone sospeso: come partecipare all’iniziativa

panettone sospeso milano beppe sala

A Natale – si dice – siamo tutti più buoni. Per esserlo davvero, non solo a parole, a volte basta un semplice gesto di solidarietà, come quello compiuto da chi aderisce all’iniziativa del panettone sospeso dell’Associazione ETS a Milano. A lanciare – anche letteralmente – l’iniziativa sui social è stato il sindaco Beppe Sala

Panettone sospeso a Milano: l’iniziativa

In origine c’era solo il caffè a Napoli, poi la pratica di acquistare qualcosa e lasciarlo in sospeso, per metterlo a disposizione di chi non può permetterselo, si è estesa anche ad altri prodotti, fino ad arrivare al dolce simbolo della tradizione meneghina. L’iniziativa è promossa dall’Associazione Panettone Sospeso ETS, una no profit di Milano che si occupa di raccogliere e donare panettoni a chi vive al di sotto della soglia di povertà.

Non solo nel capoluogo lombardo ma, ormai, in tutta Italia, il panettone è “emblema del Natale e della condivisione”, un dolce che “evoca il calore degli affetti più cari e della famiglia“, spiegano i membri dell’associazione. Donarlo può diventare “un piccolo gesto per colmare, in parte, un grande bisogno e aiutare le persone in difficoltà a sentirsi meno sole”.

Come partecipare

Chi desidera partecipare, dal 7 al 22 dicembre può recarsi nelle pasticcerie associate (identificabili dal logo di ETS) e comprare un panettone che viene poi lasciato in negozio. Per ogni dolce acquistato, la pasticceria ne aggiungerà uno a sua volta. Il 23 dicembre, tutti i panettoni donati verranno raccolti e consegnati dall’associazione alla Casa dell’Accoglienza Jannacci, in viale Ortles 69.