##Bergamo, Conte Lamorgese e Speranza saranno sentiti dai Pm

Fcz

Milano, 10 giu. (askanews) - Proseguono con le audizioni del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e dei ministri Luciana Lamoregese e Roberto Speranza le indagini condotte dalla Procura di Bergamo sulla gestione dell'emergenza Coronvirus nel territorio provinciale e soprattutto nei comuni della Bassa Valseriana dove a fine febbraio si svilupp un focolaio del contagio. Dopo aver ascoltato come persone informate dei fatti il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, e l'assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera, i magistrati orobici coordinati dal procuratore facente funzione Maria Cristina Rota hanno deciso di allargare le audizioni anche ai massimi esponenti del governo. Una mossa prevedibile dal momento che uno dei fronti dell'inchiesta bergamasca riguarda la mancata istituzione di una zona rossa a Nembro e Alzano Lombardo, due dei comuni della Bassa Valseriana pi colpiti dalla pandemia.

Fontana e Gallera hanno sempre sostenuto che spettava al governo istituire una zona blindata sul modello di quella gi adottata in precedenza nell'area Codogno, nel Lodigiano. E lo hanno fatto mettere a verbale anche durante la loro audizione davanti ai magistrati di Bergamo. "La zona rossa? Da quel che ci risulta una decisione governativa", aveva dichiarato il procuratore Rota subito dopo l'audizione di Fontana. Parole che a detta di molti (tra cui l'avvocato Consuelo Locati, legale del Comitato "Noi denunceremo - verit e giustizia per le vittime del Covid-19") sono state male intepretate. Saranno le indagini dei magistrati orobici ad accertare a chi, tra Regione Lombardia e governo centrale, spettasse il potere istituzionale di decretare la chiusura totale dei comuni della Bassa Valseriana. Ed su questo aspetto che si concentreranno le domande dei pm orobici al premier Conte e ai Ministri Lamorgese e Speranza.

Il procuratore Rota oggi non era nel suo ufficio a Bergamo. "E' per tre giorni a Roma a seguire un corso di formazione", stato riferito. Non c'erano per oggi neppure gli altri sostituti che conducono le indagini. Potrebbero essere volati anche loro nella Capitale.