Bergamo, morto anche il secondo ragazzo su moto travolta da auto

Alp

Milano, 5 ago. (askanews) - Non ce l'ha fatta Matteo Ferrari, il 18enne che intorno alle 4 di sabato mattina viaggiava sulla Vespa guidata dall'amico Luca Carissimi, morto sul colpo nel tamponamento ad Azzano San Paolo (Bergamo) da parte di un'auto guidata da un 33enne poi arrestato. Ferrari è deceduto questa mattina all'ospedale Papa Giovanni di Bergamo: anche per lui i traumi riportati nel violentissimo urto sull'asfalto si sono rivelati fatali.

La posizione del presunto omicida, Matteo S. di Curno (Bergamo), è dunque destinata ad aggravarsi, dato che la procura gli contestava l'omicidio volontario per la morte di Carissimi. Per gli inquirenti infatti, l'uomo avrebbe speronato volontariamente la Vespa con a bordo i due giovani, con i quali avrebbe avuto un alterco nel corso delle ore precedenti presso la discoteca "Setai" di Orio al Serio (Bergamo).