Bergamo, precipita in un dirupo mentre fa la legna: morto 73enne

soccorso alpino

Stava facendo la legna nel bosco, ad un certo punto è caduto in un dirupo ed è morto sul colpo. Nel pomeriggio del 26 agosto un pensionato di 73 anni ha perso la vita in un tragico incidente a Oneta, in provincia di Bergamo. L’anziano si trovava nella zona impervia nei pressi della provinciale 46. I vigili del fuoco, il soccorso alpino e il 118 sono intervenuti ma non sono riusciti a salvarlo.

La morte del pensionato

Un uomo di 73 anni è scivolato ed è finito in un dirupo nei pressi della provinciale 46, a pochi metri dalla contrada Scullera, mentre faceva la legna nel bosco. La tragedia è avvenuta a Oneta, in provincia di Bergamo intorno alle 12.35 di lunedì 26 agosto. L’anziano è caduto in un dirupo nei pressi della provinciale 46, a pochi metri dalla contrada Scullera. Sul posto sono giunti subito i soccorsi. Il suo corpo è stato ritrovato in un tratto impervio, nei pressi di via Guglielmo Marconi, grazie all’intervento dei vigili del fuoco e degli uomini del soccorso alpino. L’impatto con il suolo è stato estremamente violento e non ha lasciato scampo all’uomo, che è morto sul colpo. I sanitari del 118 sono giunti sul posto ma i loro tentativi di rianimarlo sono stati vani. Sono stati chiamati anche i carabinieri di Clusone, che hanno avviato le indagini per capire la dinamica dell’incidente. L’anziano viveva a Oneta e lascia la moglie e una figlia.

L’appello del Soccorso alpino

Nelle ultime settimane il Cnsas ha ricevuto decine di richieste di aiuto per incidenti causati da imprudenza o equipaggiamento inadatto. Il Soccorso alpinoe speleologico della Lombardia ha lanciato un appello a tutte le persone che vanno in montagna chiedendo di fare molta attenzione: “Il soccorso sanitario è dovuto a tutte le persone che ne hanno bisogno, ma in diversi casi si può evitare di arrivare al punto di dover chiedere aiuto, se si è attenti a quello che si fa e ci si pensa prima”. Sono state fatte delle specifiche raccomandazioni, che richiamano le persone a utilizzare il buon senso: “Vestitevi tenendo conto degli sbalzi di temperatura e della pioggia, consultate le previsioni del tempo, mettete scarpe o scarponi con una buona presa sul terreno, dite dove andate e cercate di capire se siete in grado di rientrare in tempi ragionevoli e se le vostre forze vi sostengono anche per il ritorno”.