Bergoglio sarebbe stato mal interpretato grazie ad un montaggio fazioso

·2 minuto per la lettura
Vaticano Papa unioni civili
Vaticano Papa unioni civili

Il Vaticano si schiera contro Papa Francesco sulla questione legata alle unioni civili. Il 21 ottobre scorso, in un documentario di Evgeny Afineevsky intitolato Francesco, Bergoglio aveva dichiarato che “gli omosessuali hanno diritto di essere in una famiglia. Sono figli di Dio e hanno il diritto a una famiglia”. Frasi che segnavano una svolta epocale nella chiesa cattolica e che aveva fatto gridare i fedeli più conservatori allo scandalo. Il Papa aveva poi proseguito con un invito ai potenti del mondo affinché venissero create delle leggi sulle unioni civili per conferire anche alla comunità lgbt+ un’adeguata copertura legale. Oggi però si apprende da una nota del Vaticano che quelle dichiarazione sarebbero frutto di un montaggio fazioso e il risultato dell’unione di più risposte.

Il Vaticano contro il Papa sulle unioni civili

Nello specifico alla fine del mese di ottobre il Vaticano ha inviato una nota esplicativa ai suoi ambasciatori nella quale smentiva ogni possibile apertura della chiesa cattolica alle unione lgbt+. Il contenuto di tale missiva è stato condiviso su Facebook dal nunzio apostolico in Messico Franco Coppola . In questa li legge: “Alcune affermazioni, contenute nel documentario hanno suscitato diverse reazioni e interpretazioni. Si offrono quindi alcuni elementi utili, con il desiderio di favorire una corretta comprensione delle parole del Santo Padre”. “Papa Francesco – continua la nota – ha risposto a due domande diverse in due momenti diversi che, nel suddetto documentario, sono state modificate e pubblicate come una sola risposta senza la dovuta contestualizzazione, il che ha generato confusione”.

Dalla nota si apprende poi che il riferimento al diritto degli omosessuali di “essere in una famiglia” si riferiva al nucleo d’origine e poneva dunque l’accento sul non allontanare dalla propria casa i figli che manifestano un diverso orientamento sessuale. Inoltre per il Vaticano nel documentario sarebbero state tagliate delle frasi in cui Bergoglio esternava la proprio contrarietà alle unioni civili. Una sarebbe stata: “È un’incongruenza parlare di matrimonio omosessuale”. Infine il Vaticano prende nettamente le distanze dalle frasi del Papa, o meglio dalla loro erronea interpretazione: “È chiaro che papa Francesco si riferisse a certe disposizioni dello stato e non certo alla dottrina della Chiesa, che ha riaffermato numerose volte negli anni”.