Berlino ha drasticamente ridotto la propria dipendenza dal petrolio russo

KAY NIETFELD / DPA / DPA PICTURE-ALLIANCE VIA AFP

AGI - La Germania, uno dei paesi europei più dipendenti dall'energia russa prima della guerra in Ucraina, ha affermato che è già riuscita a ridurre nettamente la sua dipendenza dalla Russia, soprattutto per il carbone e il petrolio. La dipendenza della più grande economia europea dalle importazioni di petrolio russo è scesa nelle ultime settimane al 12%, dal 35%, e la sua dipendenza dal carbone all'8%, dal 50%, ha riferito il ministero dell'Economia in un rapporto. D'altra parte, la dipendenza dal gas russo rimane alta, anche se è scesa al 35% dal 55% prima dell'invasione russa iniziata il 24 febbraio, ha aggiunto il ministero.

"Nelle ultime settimane, abbiamo fatto grandi sforzi, insieme a tutti gli attori interessati, per ridurre le nostre importazioni di combustibili fossili dalla Russia e per diversificare le nostre forniture", ha detto il ministro dell'economia e del clima, Robert Habeck.

Berlino aveva già annunciato diverse settimane fa di voler fare a meno completamente del petrolio e del carbone russo entro la fine dell'anno. Il governo tedesco è ora anche a favore di un embargo europeo sul petrolio russo. Sul gas, tuttavia, ha avvertito che sarebbe molto difficile farne a meno prima del 2024, anche se il paese ha fortemente aumentato le sue importazioni di gas naturale dalla Norvegia e dai Paesi Bassi in particolare, così come il gas liquefatto da altri paesi.

Se Mosca dovesse interrompere le forniture di gas, le autorità si aspettano che il paese cada in una recessione economica, poiché l'industria non sarebbe in grado di funzionare normalmente.

 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli