Berlusconi a Conte: priorità sono ricostruzione sisma e stop Iva

Rea

Roma, 30 ago. (askanews) - "Al presidente Conte abbiamo sottoposto le nostre priorità programmatiche, a partire dall'emergenza terremoto. Non è da Paese civile il ritardo accumulato nella ricostruzione: non sono stati utilizzati neanche i miliardi ottenuti dall'Europa. Il futuro governo, se nascerà, ha il dovere morale di dare risposte alle popolazioni colpite e alle amministrazioni locali". Lo ha detto il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi, al termine del colloquio con il presidente del Consiglio incaricato Giuseppe Conte.

"Il primo banco di prova sarà la manovra economica: solo una visione liberale, con il taglio della spesa improduttiva e il rilancio degli investimenti può consentire al Paese di uscire dalla stagnazione in cui le politiche sbagliate dell'ultimo anno l'hanno messo". Al contrario "sarebbe un errore madornale l'aumento dell'Iva, con calo dei consumi e abbattimento del Pil". Ipotesi "da scongiurare ad ogni costo come la patrimoniale o la tassazione sulla prima casa".