Berlusconi: "Fratelli d'Italia? Mai detto fuori dalla porta"

webinfo@adnkronos.com

"Il presidente Silvio Berlusconi non ha mai pensato, né detto di voler mettere Fratelli d’Italia o qualcun altro 'fuori dalla porta'. Al contrario, nessuno come lui, che ha inventato il centrodestra 25 anni fa, ha lavorato sempre ed anche in questi mesi per includervi i movimenti di destra e per tenerlo unito". E' quanto si legge in un comunicato stampa diramato dallo staff del Cav. 

"Forza Italia, con grande generosità - prosegue - pagando anche un prezzo politico alto in termini di visibilità e di consenso, non ha reagito ad alcuna provocazione e ha continuato e continua a credere nella necessità di costruire un progetto comune tra coloro che si oppongono alle sinistre e a questo governo che nasce dalla fusione di tre diverse sinistre, sulla base di un programma di estrema sinistra, che giudichiamo negativamente per gli effetti che produrrà sull’Italia e sugli italiani". 

"Il centrodestra, tra l’altro, è stato premiato e scelto dalla maggioranza degli italiani in tutte le prove elettorali regionali che si sono susseguite negli ultimi due anni. Va nel senso di rafforzare la coalizione di centro-destra anche la proposta, lanciata proprio ieri dal presidente Berlusconi, di costituire un Tavolo comune di Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia per coordinare e rendere più efficace la nostra opposizione in Parlamento e lavorare sui territori".  

"Forza Italia -conclude la nota- è al lavoro anche per dare una nuova casa a quei soggetti di centrodestra, liste civiche, personalità o associazioni che si ispirano alle idee e ai valori liberali e cristiani ed alla tradizione democratica e garantista della civiltà occidentale".