Discesa in campo, partito e governo: le parole di Berlusconi a Napoli

(Adnkronos) - Sul palco della Convention di Napoli per oltre un'ora, Silvio Berlusconi rievoca la 'discesa in campo' nel '94, in particolare il colloquio con mamma Rosa: ''Mia madre mi disse che era pericoloso fare un partito ma anche che se questo era il mio desiderio, dovevo andare avanti...''. ''Nel 1948 ero già in campo per difendere la libertà e cosa facevo? Attaccavo manifesti... E uno di questi manifesti recitava: 'nella cabina elettorale Dio ti vede, Stalin no'. Naturalmente li attaccavo sui manifesti del partito comunista perché loro li attaccavano sui nostri...'', ha detto ancora Berlusconi.

"Siamo sempre stati dalla parte dell'Europa e dell'occidente, siamo i soli che non devono chiedere scusa del proprio passato", ha poi detto il leader azzurro, aggiungendo: "Possiamo davvero essere orgogliosi di noi stessi e della nostra storia". "Forza Italia - continua il Cav - ha voluto il governo di unità nazionale e lo sostiene con convinzione".

''Siamo i soli - rivendica il leader di Forza Itala - ad avere sempre sostenuto, in ogni occasione, dal governo e dall’opposizione, le nostre truppe impegnate all’estero nelle missioni di pace, schierandoci senza esitazione con la nostra bandiera, con le donne e gli uomini delle nostre Forze Armate".

"L'ho detto a Roma qualche settimana fa e lo ripeto oggi: Forza Italia non fa parte del centrodestra, ma Forza Italia è il centrodestra. Lo è nel senso del Partito Popolare europeo, di cui siamo componente fondamentale e che siamo orgogliosi di rappresentare in Italia. Siamo un centro alternativo alla sinistra e distinto dalla destra con la quale siamo leali alleati", dice ancora.

''Quello con noi è l'unico centrodestra possibile. Senza di noi non ci sarebbe un centrodestra, ci sarebbe una destra-destra. Abbiamo lavorato ventotto anni - sottolinea il Cav - per costruire e tenere in vita un centrodestra di governo, un centrodestra capace di vincere le elezioni, un centrodestra capace di governare il Paese, un centrodestra autorevole e credibile in Europa e nel Mondo. Ci siamo assolutamente riusciti".

Quella attuale, continua Berlusconi, "è una maggioranza compòsita, lo sappiamo, una maggioranza in qualche modo innaturale, ma necessaria per fronteggiare l’emergenza; è una maggioranza della quale fanno parte forze politiche con le quali torneremo presto a confrontarci da avversari".

''Di questi referendum sulla giustizia - continua - si parla poco o nulla, incredibilmente si è deciso di votare in un giorno soltanto, il 12 giugno. Evidentemente c’è qualcuno che non vuole che gli italiani si pronuncino su un tema che da trent’anni almeno dilania il Paese. Un tema che riguarda i rapporti fra stato e cittadino, la terzietà del giudice, la neutralità politica della magistratura. Io rivolgo un appello accorato a tutti gli italiani perché vadano a votare e diano il loro voto su un argomento che, prima o poi, potrebbe riguardarli tutti personalmente".

"Il referendum -ha avvertito il Cav- è una tappa, ma una tappa importante, di un percorso riformatore che in parte è già avviato e che starà al nostro futuro governo di centro-destra portare a termine. Un percorso riformatore al quale questo governo ha dato il via approvando una riforma, la riforma Cartabia, che certamente non è la nostra riforma".

"Veniamo all’oppressione giudiziaria... Il 12 giugno si terranno dei referendum fondamentali, in materia di giustizia. Referendum che potrebbero contribuire a cambiare davvero il rapporto fra lo stato e il cittadino e fare dell’Italia un Paese più garantista e quindi più libero. Incredibilmente, di questi referendum si parla poco o nulla, incredibilmente si è deciso di votare in un giorno soltanto, il 12 giugno. Io rivolgo un appello accorato a tutti gli italiani perché vadano a votare e diano il loro voto su un argomento che, prima o poi, potrebbe riguardarli tutti personalmente", dice.

"Nel 1994 una grande novità, decisiva per il nostro consenso, furono i Club Forza Italia, che poi si sono voluti ribattezzare, contro il mio parere, in Club Forza Silvio. E’ un modello che dobbiamo riprendere in mano, perché dobbiamo ripetere il miracolo di allora, perché l’Italia ha bisogno di noi oggi come allora...", ha quindi continuato Silvio Berlusconi lanciando i Club per la Libertà dal palco della convention azzurra di Napoli.

"Il Club -ha spiegato- è un buon modo per avvicinare le persone che sono stanche, deluse e disgustate della politica e dei suoi riti che quindi se avvicinate e convinte a votare per il centro-destra non se la sentono di aderire a un partito politico, ma a un Club sì. Questa volta li chiameremo Club per la Libertà, perché la Libertà è il nostro valore, il nostro simbolo, la nostra bandiera, il nostro traguardo". Il Cav ha indicato una data precisa: ''Entro febbraio del prossimo anno, in ognuno degli 8000 comuni italiani deve sventolare la bandiera di un Club per la Libertà".

''Sono stato lungo ma avevo tante cose da dire, mi scuserete...", ha poi concluso Berlusconi dal palco della Convention azzurra dopo un discorso durato oltre un'ora. Il Cav chiede poi "un applauso al presidente del Senato Elisabetta Casellati. Grazie di essere qui e avanti come hai fatto fino ad adesso, con grande intelligenza e convinzione...'', dice prima di lasciare il palco riprendendo la parola, forse per mettere definitivamente fine alle voci che parlavano di malumori verso Fi della presidente del Senato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli