Berlusconi: nel 2002 ho messo fine a guerra fredda Usa-Russia

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 26 ago. (askanews) - "Noi, come Forza Italia, come movimento politico, rappresentiamo nel nostro Paese, l'Italia che lavora e che produce, l'Italia di buonsenso e di buona volontà, l'Italia seria, concreta e perbene, l'Italia delle famiglie e delle imprese. E in Italia, siamo gli unici testimoni e gli unici continuatori della tradizione liberale, della tradizione cristiana, garantista, europeista e atlantista". Lo ha detto il leader azzurro, Silvio Berlusconi, nella "pillola" quotidiana pubblicata su Facebook.

"Tra i 67 governi che si sono succeduti nei 74 anni della nostra Repubblica, siamo stati noi i soli - ha affermato l0'ex presidente del Consiglio - a non aumentare le tasse, anzi, abbiamo abbassato la pressione fiscale sotto il 40%, la stessa che oggi è al 43,6%. Siamo stati noi a mantenere la disoccupazione sotto la media europea. Siamo stati ancora noi i soli ad investire convintamente sul Sud. Siamo stati noi i soli a dare una speranza ai giovani e ad abolire il servizio militare obbligatorio".

"Con la nostra straordinaria politica estera, siamo tornati - ha rivendicato - a far sentire la voce dell'Italia nel mondo, riuscendo a mettere d'accordo nel 2002 gli Usa, la Federazione russa e tutti i Paesi della Nato, per porre fine alla guerra fredda, che ci aveva angosciato per più di cinquant'anni. Io dico che, davvero, noi possiamo essere orgogliosi di ciò che siamo riusciti a fare nei quasi dieci anni di nostra responsabilità a palazzo Chigi. Contiamo naturalmente, se ci darete il vostro sostegno con il voto, di essere ancora protagonisti di un comune grande futuro", ha concluso Berlusconi.