Berlusconi: nella manovra del governo Conte nuove tasse e manette

Pol/Bar

Roma, 30 ott. (askanews) - "Il Governo delle quattro sinistre va avanti per la sua strada, senza curarsi dei drammatici problemi del Paese. La crescita è a zero, siamo il fanalino di coda dell'Europa. Il lavoro è un dramma per i giovani che non lo trovano e per gli adulti che lo perdono". Lo ha detto in una intervista al Tg2, anticipata alle agenzie di stampa, il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi, sottolineando che "proprio oggi l'Associazione dei Costruttori edili ha denunciato che in Italia ci sono 749 opere bloccate, quindi investimenti pari a 62 miliardi. Sono ferme scuole, ospedali, strade e anche opere per la messa in sicurezza del suolo, come a Sarno, dove ci fu la tragica frana 20 anni fa".

"Qual è - ha proseguito il leader azzurro - la risposta del governo rosso-giallo? Nuovi debiti, ma nulla per la crescita, nulla per l'occupazione. Due sole parole, tasse e manette. Da un lato nuove tasse a raffica, sulla casa ma anche sull'acqua nelle bottiglie di plastica, sulle bibite zuccherate, persino sulle vincite alle lotterie. Dall'altro la giusta lotta all'evasione fiscale viene trasformata in una vera persecuzione ai danni di alcune categorie di contribuenti".

"Di fronte a questo, noi - ha detto ancora l'ex premier - chiediamo di fissare un tetto massimo alle tasse che lo Stato può chiedere a ciascuno di noi, un tetto scritto in Costituzione, e che diventa quindi inviolabile. Stiamo raccogliendo le firme sulla nostra proposta in tutt'Italia e i cittadini rispondono con entusiasmo. Questo dimostra quanto l'oppressione fiscale sia sofferta dagli italiani. Insieme all'oppressione burocratica e a quella giudiziaria, sono i mali che vogliamo spazzare via, sbloccando i cantieri e facendo ripartire l'Italia", ha concluso Berlusconi.