Berlusconi su Carlo De Benedetti: capisco la sua voglia di riprendersi Repubblica, è uno strumento politico

HuffPost
Berlusconi e De Benedetti

De Benedetti? Capisco la sua voglia di riprendersi Repubblica, è uno strumento politico. Mediaset resterà italiana e non seguirà la strada di Fca. Ma a impensierirmi sono casi come l’Ilva, che faranno scappare gli investitori dal Paese. 

E’ un Berlusconi a tutto tondo quello che si concede a MF-Milano Finanza. E parla di televisione, di Fca, del governo, dell’Ilva e persino del Milan, grande amore ma del passato. E soprattutto di editoria e del ruolo che ha cercato di riprendersi il suo avversario storico.

Ecco lo stralcio dell’intervista al condirettore di MF, Roberto Sommella.

Presidente Berlusconi, Carlo De Benedetti ha deciso di riprendersi Repubblica, per una volta è d’accordo con il suo antagonista storico?

“Non tocca certo a me valutare le scelte aziendali dell’ingegner De Benedetti. - Mi limito a osservare che egli ha dato vita ai giornali del suo gruppo con un disegno editoriale e politico preciso. È comprensibile che oggi non voglia vedersi privato di questo strumento. In ogni caso, si tratta di un affare privato della famiglia De Benedetti, nel quale non voglio entrare: la linea politica di Repubblica rimane strumentale alla sinistra indipendentemente dagli assetti proprietari. Repubblica è un giornale-partito che del resto soffre della perdita di ruolo e di copie che riguarda tutta la carta stampata”.

Davvero i giovani stanno deludendo rispetto alla generazione dei Berlusconi, degli Agnelli, dei Pirelli e dei De Benedetti, solo per citarne alcuni?

Quelli che oggi sono giovani, un giorno avranno l’età delle figure che lei ha citato. Solo allora si potrà giudicare obiettivamente il loro percorso di vita. Al di là dei giudizi sui singoli, però, devo dire che l’Italia e forse l’intero Occidente, hanno un problema di classe dirigente, non solo in politica ma anche nelle imprese. Nuovi punti di riferimento del mondo dell’impresa o della finanza, come lo è stato per esempio l’avvocato Agnelli, oggi non ne vedo...

Continua a leggere su HuffPost