Bernardo: afghani che hanno collaborato con noi vanno accolti

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 19 ago. (askanews) - "Gli afghani vanno accolti perché per 20 anni hanno collaborato con i nostri soldati, con la Croce Rossa e gli italiani. Vedere da medico e da uomo quelle persone che si attaccano agli aerei pur di partire, lasciando ogni cosa, è terribile". Lo ha detto il candidato del centrodestra a sindaco di Milano, Luca Bernardo, commentando l'annuncio di Giuseppe Sala sull'arrivo in città di 'alcune decine di cittadini afghani che hanno collaborato con gli italiani in Afghanistan'.

Parlando alla trasmissione "Omnibus" su La7, Bernardo ha spiegato "credo che la diplomazia debba, come sta facendo, creare dei corridoi umanitari, attraverso i quali portare tutti quelli che si riescono a portare: io non vorrei vedere come in Siria i campi con 25mila persone tra mamme e bambine. E' come quando il medico abbandona il paziente, noi abbiamo abbandonato persone che hanno vissuto e lavorato con noi".

Incalzato sulla sua proposta di ospitare questi profughi "negli spazi che oggi sono occupati abusivamente dai centri sociali milanesi", Bernardo ha precisato: "Nessuno li vuol chiudere: loro vengono da profughi, da amici, da cittadini e vanno aiutati, portati via dall'Afghanistan perché, sotto i talebani, tutti rischiano la vita e non possiamo permetterlo perché gli afgani sono un popolo amico".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli