Bernardo: Milano è molto malata, le serve un medico-manager come me

·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 19 lug. (askanews) - "Milano è molto ammalata, ha tante malattie e credo che ci voglia un medico che la curi, un medico che è anche manager perché io faccio anche gestione, organizzazione, perché i soldi non li spreco e devo utilizzarli benissimo. Io non vi dico farò ma faremo insieme e se vinco il Comune sarà aperto, a disposizione. Se non dovessi vincere torno a fare il medico". Lo ha detto il candidato del centrodestra alle Comunali di Milano, Luca Bernardo, in una lunga intervista a "Aria Pulita" andata in onda oggi sulla televisione 7Gold.

"Medico si è per sempre, è ovvio che la scelta l'ho fatta, qualora gli elettori decidessero che il sindaco possa essere Bernardo, Bernardo c'è. Quando uno è un uomo fortunato come me, con una bella famiglia, un bel lavoro, un ruolo importante che mi ha permesso di aiutare sempre le persone, credo sia un debito da ripagare con gli altri e mettersi al servizio, come è stato nel pubblico da medico, ma oggi e domani con una carica importantissima che può far rilanciare e rinascere e riaccendere Milano: io ci sono" ha spiegato Bernardo, sottolineando "non dormirò la notte finché non risolveremo il problema sicurezza", sottolineando che oggi la città "è una delle più pericolose d'Italia, con criminalità, fortini vari di spaccio, zone spente e anziani, uomini e donne, che non possono uscire la sera d'estate perché sequestrati in casa". "Questo lo conosco io - ha continuato - lo conoscono i cittadini ed è la Milano che non vogliamo più vedere, per questo dico riaccendiamola, e non solo con un sorriso".

"Durante il Covid gli agenti della polizia locale sono stati tenuti in ferie e in smartworking quando invece volevano andare per strada stando vicini ai cittadini" ha affermato Bernardo, spiegando che per combattere "la percezione di insicurezza, che c'è in centro e in periferia ed è la peggiore bisogna ad esempio aumentare gli uomini della polizia locale". "Non possono però comparire stranamente cinquecento nuovi agenti ad ottobre quando si vota" ha evidenziato, bollando dunque come elettoralistico l'annuncio delle prossime assunzioni fatto dal sindaco Giuseppe Sala lo scorso fine settimana. "E poi ce ne vogliono molti di più di agenti - ha continuato il candidato del centrodestra - e hanno anche bisogno di innovazione e tecnologia, sennò come fanno a controllare il territorio?".

"Milano è inclusiva, non fa differenza di colore o di etnia ma su chi ha bisogno di non essere solo, chi va aiutato, chi è abbandonato, chi è sequestrato in casa perché non può uscire a una determinata ora e la spesa deve farla la mattina o il pomeriggio perché dopo i quartieri rimangono in mano agli spacciatori e ai delinquenti e alla criminalità: lì bisogna fare la differenza" ha sottolineato il 54enne primario di Pediatria all'ospedale Fatebenefratelli di Milano rispondendo ad un telespettatore che chiedeva "prima gli italiani e dopo gli altri", aggiungendo "è vero che io non vivo in periferia ma sono 20 anni che vado nelle periferie da medico e non faccio differenza tra centro e periferia perché i problemi si guardano per la città e dobbiamo aiutare tutti".

(segue)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli