Bernardo: a Milano traffico già in tilt, fallito esame del Salone

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 8 set. (askanews) - "Se il buongiorno si vede dal mattino, per Milano e i milanesi purtroppo la piena ripresa della scuola e delle attività lavorative si preannuncia a tinte fosche. La città, la previsione è facile, andrà in tilt. Di fatto lo è già. L'avvio del Salone del Mobile ha immediatamente palesato le enormi criticità viabilistiche della città: incolonnamenti, ingorghi, auto costrette a passo d'uomo, e di certo dalle periferie non si può raggiungere il centro in bicicletta o in monopattino". E' quanto ha affermato in una nota il candidato del centrodestra a sindaco di Milano, Luca Bernardo.

"Gli ultimi 10 anni di amministrazione targata centrosinistra non hanno che prodotto un unico risultato tangibile, ossia la colpevolizzazione degli automobilisti, la quale a sua volta si è ripercossa su tutti i cittadini, le partite Iva, i commercianti, persone che la macchina la devono utilizzare per lavoro" ha proseguito Bernardo, aggiungendo "in dieci anni Milano è passata da poco più di 100 chilometri di piste ciclabili a quasi 300, e gran parte di questi non sono stati studiati in modo armonico, bensì disegnati a mano libera". "Sono stati cancellati parcheggi molto importanti e sono state ristrette drasticamente numerose strade, l'emblema è corso Buenos Aires, che già a inizio agosto quando moltissime persone erano fuori città lanciava segnali preoccupanti" ha ribadito ancora una volta il candidato di centrodestra, sottolineando che "l'improvvisazione l'ha fatta da padrone, e quando la prossima settimana suonerà per tutti la prima campanella la situazione peggiorerà ulteriormente".

"Inoltre dal primo giorno in cui ho accettato la candidatura a sindaco - ha concluso - sottolineo l'assoluta necessità di aumentare sensibilmente il numero di corse della metropolitana al fine di scongiurare i noti assembramenti degli scorsi mesi".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli