Bernardo: rimuoverei via dedicate a Mussolini e a certi comunisti

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 26 ago. (askanews) - "Io se avessi una via dedicata (a Mussolini, ndr), la rimuoverei così come quella di alcuni comunisti". Lo ha affermato, a margine di un'iniziativa elettorale in via Saint Bon, il candidato sindaco del centrodestra a Milano Luca Bernardo, parlando della vicenda della pineta intitolata ad Arnaldo Mussolini a Sormano, in provincia di Como. "La Storia - ha osservato - si può anche tenere sui libri".

A chi gli ha chiesto se si riferisse a strade come "via Gramsci o via Togliatti", Bernardo ha replicato: "No, quella è un'altra cosa, parlo di quel comunismo che purtroppo ha prodotto morti e invece di produrre vita".

"Le città e la Lombardia - ha proseguito Bernardo - devono guardare al futuro e avere una visione antifascista. La guerra è passata 76 anni fa e ritengo che quei fatti debbano rimanere sempre nella nostra memoria perché i nostri padri e i nostri nonni hanno combattuto la guerra da partigiani e non solo per liberare l'Italia e quest'Italia deve rimanere liberale e aperta sia da un punto di vista nazionale sia da un punto di vista internazionale". "Non riesco a pensare dopo 76 anni dalla guerra, che ci siano ancora fascisti, non ritengo che ce ne siano, non ce ne possono essere e mi meraviglierei che ce ne fossero. Non è il patentino che fa le persone, perché siamo tutti antifascisti".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli