Bernardo Zannoni vince il Premio Campiello con 101 voti su 275

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 4 set. (askanews) - Bernardo Zannoni, con il romanzo I miei stupidi intenti (Sellerio), vince la 60^ edizione del Premio Campiello, concorso di narrativa italiana contemporanea organizzato dalla Fondazione Il Campiello - Confindustria Veneto. Il libro vincitore, annunciato dal palco del Gran Teatro La Fenice, ha ottenuto 101 voti sui 275 inviati dalla Giuria dei Trecento Lettori Anonimi.

Al secondo posto si è classificato Antonio Pascale "La foglia di fico. Storie di alberi, donne, uomini" (Einaudi) con 54 voti, al terzo posto Elena Stancanelli "Il tuffatore" (La nave di Teseo) con 46 voti, al quarto posto Fabio Bacà "Nova" (Adelphi) con 43 voti, al quinto posto Daniela Ranieri "Stradario aggiornato di tutti i miei baci" (Ponte alle Grazie) con 31 voti.

"La mia vita è cambiata al 100% - afferma Zannoni - sono molto contento. Ho cominciato a 21 anni a scrivere questo romanzo, dopo varie esperienze di composizione - canzoni, poesie, sceneggiature - ho avuto il coraggio di ritornare alla prosa, più faticosa e complicata. L'Italia può essere un Paese per giovani che hanno voglia di leggere, formarsi e imparare. Studio ed educazione sono fondamentali".