Bernini (Fi): operazione Responsabili? Contro interesse nazionale

Pol/Bac

Roma, 14 feb. (askanews) - "Una maggioranza inquietante che fa il male del Paese in un momento di crisi così acuta. Arrivano brutte notizie dall'Europa, perché l'Italia resta il fanalino di coda per crescita, aumenta il debito pubblico, cala il Pil e aumenta la lista delle crisi aziendali, ultima in ordine di tempo Ait Italy con 1400 dipendenti a rischio". Lo ha detto Anna Maria Bernini, presidente dei senatori di Forza Italia, in collegamento con la trasmissione 'In viva voce' su Radio Uno'."Bisognerebbe fare fronte comune - ha aggiunto - e invece il governo è paralizzato dalle divisioni".

Bernini ha poi escluso la possibilità che in caso di distacco di Italia Viva dalla maggioranza ci possa essere un gruppo di responsabili di Forza Italia che ne prenda il posto: "Ho troppa stima per i nostri senatori, e ritengo impossibile che qualcuno di loro si accinga a sostenere il blocco della prescrizione, il reddito di cittadinanza, l'abolizione dei contratti a tempo determinato, misure incompatibili col nostro dna liberale. Penso che lo stesso presidente Mattarella - ha concluso - avrebbe grossi problemi ad avallare un'operazione del genere, senza alcun contenuto politico, che non sarebbe certo nel solco dell'interesse nazionale".